Storia di Claire: a Natale arriva il romanzo di Barbara Chinello

Venerdì 18 dicembre esce il romanzo d’esordio di Barbara Chinello: Storia di Claire.
Un intenso racconto di amore e legami affettivi che, tra passato e presente, va a scavare tra le pieghe di una storia famigliare nata durante la Seconda guerra mondiale.

Dopo la morte di entrambi i genitori, Amanda decide di vendere la casa dove ha trascorso la sua infanzia, ma prima deve mettere ordine fra le scatole e i bauli pieni di oggetti che sua madre ha accumulato negli anni. Tra i tanti “ricordi” della sua infanzia, Amanda trova anche l’abito da sposa della madre, ma qualcosa attira la sua attenzione: un cofanetto di legno, nascosto nel tulle del vestito. All’interno alcune foto e una lettera. Chi sono l’uomo e la donna ritratti in quelle immagini? Amanda chiede consiglio a Marie, la sua vicina di casa, che le rivela che l’uomo e la donna delle foto sono Edward e Claire Hughes, i genitori di sua madre. Le svela, inoltre, che, al contrario di quello che le era sempre stato fatto credere, i suoi nonni sono ancora vivi e il motivo per cui non li ha mai conosciuti sta in un litigio avvenuto molti anni prima tra Claire e sua madre, dopo che questa era venuta a conoscenza di un enorme segreto che Claire le aveva taciuto. Cosa può essere successo di così imperdonabile? Non c’è altro modo per scoprirlo se non quello di chiederlo proprio a Claire.

Maggiori informazioni

“Fantasie irriverenti”: il terzo volume di Perle di Liguria

Esce oggi, 3 agosto, il terzo volume della collana Perle di Liguria: Fantasie irriverenti (I) di Graziella Scofferi.

Graziella ha il dono di una prosa fluida e incisiva e un rara capacità di mutare e adattare registro stilistico e linguistico secondo i temi trattati. Passa con disinvoltura dallo stile epico omerico e nibelungico alle leziosità dei romanzi rosa alla Liala al registro comico- realistico che ricorda in parte le novelle del Decameron del Boccaccio. È dotata di fine e acuta ironia, con cui smorza i toni troppo drammatici o romantici e narra le vicende con uno sguardo in apparenza distaccato e disincantato, ma in realtà immerso nei più disparati aspetti della “commedia umana”. Spesso tale ironia diventa sano umorismo e comicità. I dialoghi sono sempre essenziali e i personaggi “parlano” realmente, coinvolti nella vicenda, mai in modo oratorio, per farsi ascoltare dal lettore.

Racconti creati durante il laboratorio di scrittura creativa che si svolge ogni anno presso la Biblioteca del Mare di Riva Trigoso (Ge), dal quale è nata la collana Perle di Liguria.

La scrittura è per me terapia nelle avversità, sfogo di una fantasia troppo vivace, strumento per esercitare una salvifica ironia mista a un pizzico di cinismo, che germina in una vecchiaia disincantata. Ma soprattutto la scrittura è per me un divertimento: non ho messaggi profondi da comunicare, perché non prendo mai troppo sul serio né me stessa né gli altri.

Non vi resta che tuffarvi nei racconti di Graziella e lasciarvi trasportare tra le loro pagine.

L’arte della solitudine – Recensione


Era un patto onesto con la solitudine, con le nostre due solitudini incollate assieme.
Sapevo che non esiste al mondo una solitudine più profonda di chi non ha provato con tutta la forza a fare una cosa e non ce l’ha fatta.
Mi ritrovai ancora più vicino a lei con una nostalgia nuova.

Sante ed Elide, giornalista e psicologa, vivono due diverse tipologie di solitudini: lavorativa e interpersonale, ma sono pur sempre una coppia. Una bella coppia che resiste al retaggio del tempo da oltre venti anni.

Sante schiva  con successo gli attacchi dei suoceri: i facoltosi Romualdi, che agognano un genero “altolocato” per la loro unica figlia.

Sante ed Elide formano una coppia granitica, scevra da litigi e incomprensioni. Insieme portano avanti un’esistenza serena, senza grandi scossoni. Dopo anni di matrimonio, le abitudini di coppia si radicano talmente tanto da diventare ataviche, obsolete, perdono quell’antico e genuino candore, quei valori  acquisiti all’inizio della convivenza. Il loro rapporto si basa anche su un altro tipo di solitudine, quella individuale – familiare, perché non riescono a concepire figli.

Tra Sante ed Elide il “più debole” è il giornalista, che si lascia trascinare alla deriva dai propri sentimenti, dalle proprie emozioni. La vita domestica lo soffoca e allo stesso tempo si sente circondato da una solitudine “assordante”, fatta di voci, discorsi sconnessi e fuori luogo. La società è rumorosa, è ridondante anche quando tace, allora decide di “ossigenare la mente” scendendo in strada, vivendo tra la gente. Tra gli ultimi conosce Druilio, che lo spinge a mettere in campo un’altra parte di sé, quella “solidale”, anche se vive tra l’indifferenza generale del mondo civile, assumendo alcol. Sante si trascina, si barcamena nel mondo dei clochard, vivendo però nella speranza e nell’attesa  che questo risulti essere, per sé, solo a una fase transitoria, un periodo di passaggio che gli consenta poi il ritorno alle proprie “radici”, alla “vecchia normalità”.

Quando tocca il fondo, una persona che vive da sola si ritrova avvolta da una bolla ovattata di silenzio e solitudine in cui il tempo è simile a sabbia che scivola via dalle dita delle mani. Perde il controllo sugli eventi e sui rapporti interpersonali e poi… Tutto tace.

Recensione a cura di Concetta Padula, che ringraziamo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi