A tre anni dalla sua prima avventura, l’eroe creato da Lorenzo Ruggeri e i suoi sette fratelli sono di nuovo in mezzo a noi.

Esce il 27 aprile Il Cavaliere di Bronzo e la Tomba Dimenticata, una nuova avventura del Cavaliere di Elvissa.

Una volta abbattuta la Torre Nera, una volta eliminato il male dal regno di Aul, Elvissa e il suo popolo credono di aver ritrovato finalmente la pace, ma si sbagliano. Il Gran Sultano del Myar, primo consigliere dell’Imperatrice, ne è certo: gli Annak sono alle porte. Un popolo subdolo, bellicoso, da sempre nemico di Elvissa e dei Cavalieri è alla ricerca della Tomba Dimenticata e del tremendo potere nascosto al suo interno. Un solo eroe può fermarli, un solo Cavaliere ne è in grado e noi conosciamo il suo nome: lui è il Cavaliere di Bronzo. E così, con l’aiuto del Cavaliere d’Argento e con il sostegno di un nuovo grande potere, il nostro saggio eroe si rimette in viaggio; un viaggio all’insegna dell’amicizia e della tolleranza, dove nulla è scontato, nemmeno l’odio più grande.

Lorenzo, ritorni ai tuo lettori con una nuova avventura del Cavaliere di Bronzo. Com’è stato tornare a scrivere?

Tornare a scrivere è sempre un piacere, è un po’ come ritrovare un vecchio amico, diciamo, qualcuno che non vorresti mai e poi mai perdere di vista; il Cavaliere di Bronzo ormai fa parte di me e quando rimetto piede nel suo mondo, quando torno a Elvissa, non posso fare altro che sentirmi a casa.

Dopo l’uscita del primo libro tanti sono stati gli incontri con i lettori, soprattutto più giovani. Come ti sei sentito?

Può sembrare banale, e forse per alcuni lo è, ma incontrare così tanti ragazzi appassionati della mia storia mi ha fatto felice; bambini, bambine, tutti entusiasti nel darmi consigli e nel farmi domande… è stato così strano, così nuovo e allo stesso tempo così bello. Penso che il contatto con i lettori sia il vero premio, ciò a cui uno scrittore ambisce veramente; sapere che c’è qualcuno là fuori nel mondo, qualcuno capace di comprenderti per davvero, genera un’emozione che non si può descrivere. 

Quali sono le difficoltà che hai trovato ad affrontare questo nuovo episodio?

Trovare nuovi personaggi, nuove idee, qualcosa di oggettivamente originale, ma soprattutto: avere un messaggio forte da condividere con il lettore. Tutta la saga del Cavaliere di Bronzo si basa su questo semplice concetto: crescere, imparare, divertirsi. Non avrei mai accettato di dare vita a una nuova storia se non avessi avuto qualcosa da insegnare.

Cosa rappresenta il viaggio verso la Tomba Dimenticata?

Un viaggio nel presente, nei giorni nostri, per quanto possa sembrare assurdo; i nostri eroi difatti dovranno affrontare un nemico da sempre al fianco dell’uomo, fantasia o realtà che sia, qualcosa con cui, purtroppo, dovremo sempre fare i conti: l’odio per il diverso e per tutto ciò che non riusciamo a comprendere.

Possiamo aspettarci una terza avventura per il Cavaliere di Bronzo e i suoi fratelli?

Sicuramente sì, al momento sono impegnato in nuovo progetto, ma i Cavalieri di Elvissa hanno ancora molto da dire; senza fare troppi spoiler, diciamo che ho intenzione di accogliere alcuni dei consigli ricevuti dai miei piccoli lettori nel corso di questi anni. Giusto per dirne una: direi che l’Imperatrice dovrà fare spazio a corte, qualcuno sta arrivando, un nuovo Cavaliere forse? Chi lo può dire?

Il Cavaliere di Bronzo e la Tomba Dimenticata da oggi in tutti gli store online, per il momento in edizione digitale.

Link Amazon e Kobo.

Un ringraziamento speciale a Tatiana S. Meloni per l’editing di copertina.

Intervista a cura di Annalisa Panesi

Theme: Overlay by Kaira
Copyright @Panesi Edizioni 2020

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi