È finalmente online Veronica è mia, romanzo erotico della vulcanica Giulia Mastrantoni e primo e-book ad aprire la nostra collana rossa Lilith.

Veronica è una ragazza giovane, timida, innocente. La sua voglia di amare ed essere amata si scontra con quella di possedere di Max, ragazzo impassibile che entra nel suo corpo e nei suoi pensieri. Max di giorno, Max di notte, Max in ogni fibra del suo essere: Max è ossessione e sogno effimero. Veronica, nel tentativo di non dimenticarlo, lo ricerca e rivive nei corpi vuoti e indifferenti di altri uomini. Solo una grande forza interiore sarà in grado di rimettere tutto in discussione.

Il tema della violenza sessuale sulle donne è sempre molto delicato: “Sappiamo tutti identificare l’atto della violenza sessuale quando si tratta di un’aggressione da parte di un estraneo, magari in strada, di notte. Ma identifichiamo come non-violenza i rapporti irruenti da parte del partner e anche quei rapporti che hanno luogo solo dopo una continua pressione esercitata sulla ragazza. Sono pur sempre rapporti forzati, e sono una forma di violenza. Credo che questo genere di violenza, però, sia prevenibile. Penso che queste situazioni siano il frutto di una scarsa consapevolezza del proprio valore da parte delle ragazze e di un’educazione sessuale carente in ambo i sessi. La società, intesa come opinione comune, e i ragazzi devono riconoscere che fare pressione o forzare un rapporto sono forme di violenza. La risposta, secondo me, sta nell’educazione, un’educazione sessuale che coinvolga scuola, famiglia e società. Che sia completa e senza tabù. Veronica è mia è il mio tentativo di contribuire al cambiamento”.

Veronica può essere ognuno di noi, la nostra vicina di casa, la nostra insegnante di yoga, la barista del locale che frequentiamo: “La vicenda è immersa nella nostra realtà, nel mondo in cui viviamo. E quello che racconto succede davvero. Non è una notizia da titolo di giornale, quindi queste esperienze di vita vissuta restano quotidianamente nell’ombra. Scriverne è il mio modo di stare vicino alle persone che stanno vivendo qualcosa di simile e di rivendicare la gravità degli atti da loro subiti. Spero anche di passare un messaggio di coraggio”, racconta l’autrice. “Veronica è la parte più bella di me. Quella che non molla, quella che non si lascia attaccare nessun cartellino del prezzo, quella che si dimostra quanto vale a dispetto di Max. Mi piace come personaggio, perché ha tanta forza interiore. Per alcuni aspetti, è la donna che emulo”.

Una storia forte, pornografia dell’anima, grido di forza e di speranza, inno alla rinascita, Veronica è mia è da oggi disponibile in tutte le librerie online.

“Veronica è mia”: pornografia dell’anima, grido di forza e di speranza, inno alla rinascita

2 pensieri su ““Veronica è mia”: pornografia dell’anima, grido di forza e di speranza, inno alla rinascita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continua a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi