Tra qualche giorno uscirà il primo e-book di cucina edito da Panesi Edizioni: GARGANTUA. IDEE PER CUCINARE. L’autore è il ligure Renzo Bagnasco. Lo abbiamo intervistato per voi!

Chi è Renzo Bagnasco, come autore e come persona?

Renzo Bagnasco scrive raccontando un po’ le sue esperienze, con particolare riguardo a tutto ciò che è ligure. Ha reso “leggibile” il primo incunabolo stampato a Genova da due allievi del Gutemberg nel quale si descrive, tra l’altro, la Liguria. L’interesse per la sua terra lo ha portato a ricercare cosa e come si mangiava su chi andava anticamente per mare; l’essere “Fratello della Costa” lo ha spinto a ricercare come si nutrivano i pirati caraibici. Della Liguria ha descritto gli ex voto, i proverbi marinari, descrivendola poi da chi, per la prima volta, vi arrivi dal mare: Il bel navigare, opera mai scritta prima, volume che gli ha fatto vincere il Premio Lunigiana.

Quando e come è nata la passione per la cucina?

Mia madre era un’ottima cuoca. Ho poi conosciuto una ragazza con la quale ho condiviso le sue passioni e che divenne mia moglie. Da li è cominciata la nostra collaborazione e abbiamo scritto quasi tutti i libri a “quattro mani”, almeno sino a quando lei se ne è andata per sempre lasciandomi, per fortuna, due figli già grandi.

Oltre alla cucina, quali sono i suoi interessi?

Mi interessa tutto ciò che parla della Liguria, dall’antichità a oggi, sino a estendere il mio interesse comparativo a tutte le cucine regionali italiane. Poi, per saperne di più, ho ricercato molto sulla Liguria e ne ho scritto i risultati.

Come è nata l’idea per Gargantua?

È il frutto di una raccolta infinita durata tutta la vita, alimentata dai vari paesi nei quali ho lavorato. Il nome, ispirato al noto personaggio dei romanzi della metà del ‘500, è lo stesso che utilizzo per firmare le ricette che descrivo sul mensile di Rapallo Il Mare.

Come ha scelto le ricette che ha inserito in questa opera?

Sono tutte ricette che, nel corso degli anni, sono piaciute sia a me che a mia moglie Nada. Ho pubblicato sempre e solo quelle che ho prima testate, utilizzando prodotti normalmente in commercio da noi o trovati presso negozi etnici.

La ricetta che la diverte di più preparare e quella che le piace di più gustare?

La Mes-ciua spezzina, quella fatta all’antica però, e le Lasagne in perbureira, che stanno scomparendo.

Qual è l’importanza della tradizione gastronomica al giorno d’oggi?

È molto importante, purché sia la vera gastronomia regionale e non quella che appare in tv. Purtroppo quella DOC è finita con l’inizio dell’ultima guerra, che ha rimescolato forzatamente gli uomini. A loro volta i combattenti o prigionieri che siano stati per il mondo, una volta ritornati, hanno inserito le novità apprese nei loro menù tradizionali, alterando definitivamente la tradizione.

Si fa abbastanza per mantenere la tradizione viva?

No, perché i cuochi professionisti raccontano la cucina che sanno fare loro e non quella dei loro padri. I programmi di cucina in tv sono gestiti da soubrette alle quali danno copioni da recitare, a volte mal redatti da impreparati sceneggiatori. Bisognerebbe assaggiare uno dei manicaretti che preparano in pochi minuti, falsando la realtà! L’unica garanzia di ricerca della verità sta nei “dilettanti” che, non avendo nulla da perdere, sono pronti, se del caso, a rivedere quanto da essi suggerito.

Nel suo curriculum di scrittore molti sono i volumi dedicati alla cucina ligure e tradizionale. Qual è quello a cui tiene maggiormente?

Va da sé: Il Mangiar Bene, dove sono descritte tutte le Cucine Regionali d’Italia, e, immancabilmente, La Cucina Ligure, il libro più venduto in Liguria.

Oggi il Gargantua, domani? Nuove prospettive digitali?

Vorrei, potendo, recuperare molti interessanti volumi da me scritti ma ormai esauriti e irripetibili per i costi delle illustrazioni e della ristampa. Forse l’e-book può essere la soluzione per riproporli.

Intervista a cura di Annalisa Panesi

Ringraziamo Renzo per la sua gentilezza e disponibilità.

Renzo Bagnasco: passione per la cucina e per la sua Liguria
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continua a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi