Bolognese, classe 1973, basket-addicted… è Mauro Corticelli, il primo autore pubblicato da Kymaera Edizioni.

Se gli chiedete di parlarvi di sé, vi dirà che Mauro Corticelli è un uomo come tanti altri, normale, di quelli che si incontrano al supermercato a fare la spesa. Un uomo che all’ombra del proprio lavoro di impiegato ha coltivato alcune passioni, il basket, l’antiquariato… e la scrittura.

NESCAFÉ FRAPPÉ è il suo romanzo d’esordio. Pubblicato nel 2012 con la 0111 Edizioni, rinasce oggi a nuova vita, con una nuova veste, tra i nostri scaffali virtuali!

Gli abbiamo fatto alcune domande per presentare a voi il suo romanzo!

Come è nato NESCAFÉ FRAPPÉ e perché questo titolo?
È nato quasi per scherzo, durante una vacanza a Cefalonia. Avevo dimenticato i “gialli” da leggere sotto l’ombrellone e così, con una penna e un block-notes rimediati di fortuna, mi sono divertito a buttare giù l’embrione della storia. È nato come passatempo da spiaggia e ha preso le sembianze di un romanzo. La scelta del titolo è molto legata a Cefalonia, dove è ambientata una parte della storia. Come in tutte le isole greche, durante l’estate l’iced-coffee, o Nescafé Frappé appunto, diventa una sorta di bevanda nazionale, al pari dell’ouzo. In ogni momento e in ogni posto dove vieni a trovarti, ci sarà sicuramente qualcuno che ne beve uno… a me piace molto, ma questo è un dettaglio.

NESCAFÉ FRAPPÉ esce in e-book in una nuova veste. Perché questa scelta?
La scelta dell’e-book in parte è legata alla scelta della nuova casa editrice, Kymaera Edizioni. Ho creduto subito nel progetto e nei valori di Annalisa Panesi e dei suoi collaboratori. Credo che l’e-book sia un metodo molto più pratico ed economico di diffusione per i romanzi di autori poco conosciuti come me. Il mondo dell’editoria è complicato e per gli emergenti è un vero labirinto. Con l’e-book si può arrivare direttamente al lettore.

La Grecia. Leggendo il tuo romanzo appare chiaro che racconti di posti visitati realmente. Cosa significa, o ha significato, per te, tanto da voler ambientare il tuo romanzo anche qui?
Cefalonia è stata per alcune estati la meta delle mie vacanze estive. È un posto bellissimo e accogliente come tutte le isole greche, ma in più non è la Grecia stereotipata delle Cicladi. È una delle ambientazioni a cui sono più legato di un capitolo molto importante della mia vita.

Nel tuo romanzo ritroviamo in tutto e per tutto quella che è la generazione dei trenta/quarantenni di oggi: chi non sa ancora cosa fare della propria vita (Cesare), chi si scopre diverso (Beatrice), chi si lascia facilmente sedurre dal “giardino del vicino” perché, quando si è stufi della propria routine, il cuore deve vincere su tutto (Simona e Claudio). E così via. Le paure e i dubbi che pervadono l’anima dei tuoi personaggi, sono paure e dubbi in cui ti ritrovi?
Assolutamente sì e invidio i miei coetanei che si spacciano come sicuri e pieni di certezze. Ogni età ha i suoi punti critici ma questa è quella degli incroci senza ritorno, del “se non lo fai oggi non lo farai più”, della consapevolezza delle scelte fatte, sia in positivo che in negativo. Aspiriamo ad essere uomini ma siamo ancora ragazzi. Contavo sulla maturità delle donne ma le ho scoperte molto simili a noi.

I personaggi. Sono tutti ben delineati e descritti. Molto spesso la parte più difficile dello “scrivere” è riuscire a caratterizzare i personaggi senza falle o contraddizioni. Come è stato per te dare vita a tutti loro?
Quando scrivo mi diverto ad immaginare la storia come un film e credo che in parte si noti anche nello stile di scrittura. Questo sicuramente mi aiuta ad identificare meglio personaggi e ambientazioni, e probabilmente mi aiuta a renderli più credibili anche sul testo.

Cesare Gamberini, il protagonista principale. È facile pensare che non sia tutto frutto della tua fantasia: Bologna, il basket, il lavoro in azienda. Quanto di reale e quanto di “inventato” c’è in lui e nella sua storia?
Alcuni connotati di Cesare mi appartengono, probabilmente alcuni suoi difetti. Essendo la prima esperienza di scrittura articolata, credo sia stato spontaneo crearlo con alcune caratteristiche che conoscevo bene. Lui però ha molto più successo di me con le donne!

Le figure di don Luigi e Galeazzo Caldella. Che significato hanno all’interno della storia? Come è nata l’idea?
NESCAFÉ FRAPPÉ è un romanzo realista, nei tempi, nelle ambientazioni e nella caratterizzazione dei personaggi. Volevo aggiungere qualcosa di più fantasioso, così mi sono ispirato al mito degli angeli custodi con cui tutti noi siamo cresciuti.

Quali credi che siano i punti di forza di NESCAFÉ FRAPPÉ?
L’intreccio delle storie dei personaggi. Mi sono divertito molto ad amplificare la forza delle coincidenze intrecciando le loro vite nei pochi mesi in cui si svolge il romanzo.

Il tuo è uno stile molto asciutto, senza troppi fronzoli e frasi inutili. Esiste un tuo percorso letterario che ha portato a NESCAFÉ FRAPPÉ oppure è stata la tua prima esperienza in questo campo?
Devo essere sincero. Ci sono colleghi aspiranti scrittori che hanno un percorso molto lungo alle spalle. NESCAFÉ FRAPPÉ non solo è stato il mio esordio, ma è stato il vero e proprio inizio di questa esperienza molto intensa e piacevole che si è rivelata la scrittura.

Il finale ci lascia con la curiosità del futuro, di Cesare, di Chiara, di Simona, di Francesca, di Beatrice… Pensi di dare un seguito a NESCAFÉ FRAPPÉ?
Molte lettrici della precedente edizione mi hanno fatto questa domanda. Al momento vedo NESCAFÉ FRAPPÉ completo, anche perché mi piace immaginare la mia esperienza di scrittore come varia, negli argomenti e nei generi di scrittura; ad esempio, il nuovo romanzo sarà un noir. Non escludo però che in futuro mi venga voglia di giocare nuovamente con Cesare e gli altri personaggi del romanzo.

(Intervista a cura di Annalisa Panesi)

Tra pochi giorni NESCAFÉ FRAPPÉ sarà disponibile nelle maggiori librerie on line! Nel frattempo, se volete sapere qualcosa di più su Mauro, date un’occhiata al suo bel blog! Noi, intanto, ci gustiamo un buon Nescafé Frappé…

Mauro Corticelli, il primo autore di Kymaera Edizioni
Condividi...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Tumblr0Pin on Pinterest0Email this to someonePrint this page
Tag:                             

Un pensiero su “Mauro Corticelli, il primo autore di Kymaera Edizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continua a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi