Romano Francesca Vera

Romano Francesca Vera Image

Francesca Vera Romano nasce a Venosa il 01/08/1982. Antropologa appassionata di scrittura e teatro, si avvicina poco più che ventenne alla poesia e al teatro assieme agli amici del circuito letterario e artistico romano che frequenta assiduamente. Va in scena con La Tempesta di Shakespeare al Teatro dei Satiri di Roma dove riscuote un grande successo. Alla continua ricerca di sperimentazioni letterarie, scomposizioni della parola, dissezioni spietate dell’animo umano, trova la sua espressione privilegiata nella poesia che definirà come “luminosa decodifica dell’assurdo”. La poesia è una liberazione, una catarsi in cui ogni parola diviene forma, ogni incognita dell’anima tende prepotentemente a comporsi in un continuum sinestetico di lucide visioni. L’anima è continuamente tesa in uno sforzo di significazione simbolica che diviene pura parola. E la parola diviene l’unica che domina i ritmi, i tempi e le pause, trascende la punteggiatura in una tensione continua verso la pura forma. Nel 2007 La sua poesia Settecento viene selezionata per essere inserita nell’antologia di poeti emergenti Navigando tra le parole da una giuria composta da poeti contemporanei la cui presidentessa è Alda Merini ed edita dalla casa editrice Nuova Clio Mursia. Incoraggiata da questo successo, continua nella scrittura sia di poesie che di monologhi per il teatro, uno dei quali viene selezionato per essere messo in scena al Vulcanica Live Festival di Rionero in Vulture, importante rassegna di musica, cinema e teatro che ha ospitato grandi nomi della musica d’autore come Stefano Bollani, Giovanni Allevi, Ludovico Einaudi e il premio Oscar Nicola Piovani. Ha pubblicato per il gruppo L’Espresso tre raccolte di poesia: Raccolti di Fiori(2012), De Errore (2013) e Ore di Silenzio (2014).

Con Panesi Edizioni ha pubblicato Bambina (2016).

Romano Francesca Vera

Romano Francesca Vera Image

Francesca Vera Romano nasce a Venosa il 01/08/1982. Antropologa appassionata di scrittura e teatro, si avvicina poco più che ventenne alla poesia e al teatro assieme agli amici del circuito letterario e artistico romano che frequenta assiduamente. Va in scena con La Tempesta di Shakespeare al Teatro dei Satiri di Roma dove riscuote un grande successo. Alla continua ricerca di sperimentazioni letterarie, scomposizioni della parola, dissezioni spietate dell’animo umano, trova la sua espressione privilegiata nella poesia che definirà come “luminosa decodifica dell’assurdo”. La poesia è una liberazione, una catarsi in cui ogni parola diviene forma, ogni incognita dell’anima tende prepotentemente a comporsi in un continuum sinestetico di lucide visioni. L’anima è continuamente tesa in uno sforzo di significazione simbolica che diviene pura parola. E la parola diviene l’unica che domina i ritmi, i tempi e le pause, trascende la punteggiatura in una tensione continua verso la pura forma. Nel 2007 La sua poesia Settecento viene selezionata per essere inserita nell’antologia di poeti emergenti Navigando tra le parole da una giuria composta da poeti contemporanei la cui presidentessa è Alda Merini ed edita dalla casa editrice Nuova Clio Mursia. Incoraggiata da questo successo, continua nella scrittura sia di poesie che di monologhi per il teatro, uno dei quali viene selezionato per essere messo in scena al Vulcanica Live Festival di Rionero in Vulture, importante rassegna di musica, cinema e teatro che ha ospitato grandi nomi della musica d’autore come Stefano Bollani, Giovanni Allevi, Ludovico Einaudi e il premio Oscar Nicola Piovani. Ha pubblicato per il gruppo L’Espresso tre raccolte di poesia: Raccolti di Fiori(2012), De Errore (2013) e Ore di Silenzio (2014).

Con Panesi Edizioni ha pubblicato Bambina (2016).

 

 

Torna agli ebook

 

 

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continua a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi